Baia Inglese, di Evelyn Lau

Standard

Di nuovo ci troviamo sulla battigia,
tra resti di conchiglia e plastica,
garza di alghe che mi intrappola i piedi come rete.
Fregate rosse e la grigia nebbia Onley delle isole.
Il luccicare a conchiglia del sole sull’acqua, cielo a lisca di pesce.
Pensavo ad un film in cui un uomo affogava
in mezzo all’oceano, onde enormi si ergevano
intorno a lui come dune nel deserto, e a come una volta ho detto,
è così che funziona, il dolore –
anni fa, prima che morisse qualcuno.
Chi sapeva quanto si sarebbe espanso l’oceano,
quanto sarebbero cresciute quelle onde.
Poi sono entrata in acqua, in quel mondo marino
di laminaria e plankton. Il verde che mi lambiva le gambe
ha viaggiato per miglia per arrivare in questa baia.
Un cappio di nuvole appeso all’orizzonte.
Spore, sabbia nell’aria ruvida. Non c’era nessuno a cui tengo.

[Originale in inglese di Evelyn Lau, ‘English Bay’]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s