Dovrei, di Franny Choi

Standard

A dire il vero dovrei essere gentile con i bianchi
che mi sorridono per strada, che mi lasciano
entrare nelle loro riviste & scuole,
che mi prestano i figli per insegnargli.

Dovrei rispondere col sorriso all’uomo che mi chiama
bellissima. È una parola più cortese di erezione
anche se meno precisa. Facciamo tutti sacrifici
per tenerci gente intorno. Allora quando

la donna bianca si inchina, dovrei almeno
apprezzare lo sforzo, invece di lasciarne il sapore
marcirmi in bocca, yogurt acido,
latte & limone nella stessa tazza di tè.

& quando skinhead & cravatte sciamano
a chiamare la mia bocca troppo tagliente, troppo manuale,
troppo strillante & sirena & di sbieco, dovrei
apprezzare il riscontro, parlare propriamente,

lasciarmi lo sputo in guancia fino a renderlo un bagno
caldo per lenire tutta la brava gente che ho accusato
di lasciar fare alle loro mani il lavoro degli schiavisti
& ladri da cui discendiamo. Dovrei guastarmi,

arricciarmi, cullarli & dirgli che si meritano
tutte le loro spoglie. Che non devono niente al mondo
tranne la conquista. Che mi scuso per averli fatti
sentire a disagio. Mi scuso, cioè, per essere stata

arredamento disubbidiente. Dovrei scusarmi
per prendere tanto spazio quanto un uomo, oggi.
Per ridere troppo forte. Per camminare come se
volessi vivere. Per darmi un nome

al di là di una griglia turni & carne.
Per indossare pugnali alla festa. Per indossare
la mia sola, brutta faccia. Per cantare. Per cucinarmi
un pasto caldo. Per mangiarne ogni morso.

[Originale in inglese di Franny Choi, ‘Should’]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s