#GloPoWriMo 2018 18 – Twisted Idioms (IV)

Standard

consider the circumference
and the curve of the skin
consider the stretched or
loose expanse of
the core of this man

consider its direction
its size its layers
its complex arrangement of
human behaviour and instinct
gaze into more
than just the navel

you will find meaning there

back on this again, catching up
(#uomodipanza)

Advertisements

#GloPoWriMo 2018 17 – Twisted Idioms (III)

Standard

if a hill is a swing
in some parts of the world
you will forgive me
for giving this a try
– miss or hit, there is no gain
heat and mist the new terrain
rising and rolling from the ground.

a roundabout way perhaps
to talk about the whole
layout of the land we’ll be
dipping our toes in next
– a sloppy slip-up you might say
a slippery slope, if I may
no winners nor losers this round.

#translationtuesday
back on an old idea I had during my first NaNoWriMo

#GloPoWriMo 2018 16 – Risposta

Standard

‘A quando risale il suo cognome?’

Mi chiedi, spocchiosa ed arrogante
come solo una della tua età
con i tuoi genitori, in questa scuola,
sa raccogliere e concentrare in una sola frase.

Non pensi a quello che ti ho chiesto
alle istruzioni che ti ho dato
come agli altri non più di cinque minuti fa
é un passato troppo recente
non é quello che ti interessa perché non importa.

(Non pensi al rischio corso da chi
non come me ma ci siamo andati vicini
non come me ma tu non puoi saperlo
non ha modo di salire più di due
scalini nel condominio del proprio passato.)

Quindi, studente dodicenne
con la spocchia nella voce
e la voglia sotto i piedi
l’unica risposta che avrai da me
é questo pezzo che tu
se non per errore
– come gli esercizi che ti ho dato
d’altronde –
non leggerai mai.

yay, teaching

#GloPoWriMo 2018 15 – Initiative

Standard

You do. It is always your choice,
it is, always. Your choice
is not always what you will find again
– aim higher on the next one.

Aim higher on the next one
you do. It is always your choice.
You on.. the path ahead,
when it comes down to it
– not alone, never alone –

is not always what you will find. Again,
be cautious with your actions.
To achieve the goal placed by
be cautious with your actions:
take the first step first
and be ready to, finally
you, do. (It is your choice,
not alone, never alone,
no matter how you walk it,
it is always your choice.)

But have heart in what
to achieve. The goal placed by
stride in time, with rising force:
aim higher, on the next one
aim higher on. The next one
is not always what you will. Find again

the voice telling you how
it is always your choice.

IMG_20180415_191404

an experiment, caused by #TheZoneCast

#GloPoWriMo 2018 13 – Familiare

Standard

il cane ti osserva forse da sopra il suo monte, pelo bianco smosso dal vento stranamente mattiniero, al momento forse già in pausa dal suo dovere di pastore e guardiano – di alberi di animali di persone che chiami suoi padroni, e dimentichi che i familiari in questa lingua sono sì sempre legati dal sangue ma alcuni più stretti e vicini di altri, familiare non è forse solo famiglia forse non è solo cambio di lessico – il cane ti osserva da sopra il suo monte ma non lo dà a vedere, il pelo smosso sì dalla brezza ma l’occhio non puntato sulla strada su di te sugli olivi che lo circondano, il muso rivolto ad altro forse ma l’occhio si muove ogni tanto verso di te – occhio che noti essere troppo simile troppo vicino ad uno che riconosci in altro viso in altro luogo in altri tempi ma ora non hai tempo di controllare perché – il cane ti osserva ora forse più attento di prima più affilato l’occhio puntato ma rimane sdraiato sul suo monte contornato di olivi ma privo di animali di persone tranne te e il cane, sul monte, col vento di mattina che soffia prima del solito orario

una coda di
ricordi forse nuovi
si snoda tra voi

 

better late than never, a haibun

#GloPoWriMo 2018 12 – From profane spaces

Standard

me, like this:
between two commas, an aside,
explained in a detail

then I am the comma you removed
the one you moved

the full stop
the indent
the key word at the end of the back cover

in the exclamation point
you placed me I placed you
on the continuous axis

no line spacing no separation
twentyeight lines in a single breath
including the title and
the signature

read me over again
and while you do
I flow freely
you find me in the second chapter
in the following page
printed black on white

no backspace
we go to print
beats and all

(#translationthurs
original Italian by Elisabetta Destasio Vettori)

#GloPoWriMo 2018 10 – Calore e acqua calda

Standard

Dimmi ancora come ami la metà lei e la parte lui di me.
Mostrami con la bocca le mani i fianchi che non c’è un solo lembo di pelle mia intonso. Invalicato. Invisibile.
Lasciami portare quella borsa. Ce l’ho, tesoro. Ce l’ho.
Lasciami appenderti il cappotto e mettere l’acqua a bollire.
Lascia che le mie dita trovino quel punto sul collo che ti fa sempre male.
Lascia fare a me.
Ho lavato le lenzuola prima che venissi qui. Vieni qui e fammi ricordare l’odore del tuo collo e conservarlo per un’altra volta.
Mio amore jet-laggato. La tua mancanza è la mia sola costante.
Nelle ore più piccole mi sveglio e mi ricordo che ho ancora altre quattro notti di te.
Farai scivolare la tua mano calda sotto il mio torso e mi sposterai nel sonno.
Ti svegli prima di me perché è già mattina tardi a Toronto.
Nemmeno il cane riesce a toglierti gli occhi di dosso mentre balli in cucina.
Sorridi con quel sorriso che metti da parte per me e mi dici di non indossare una maglia per potermi guardare mentre preparo il caffè.
Proprio così, dici.
Proprio così.

 

#translationtuesday
originale inglese di Ivan Coyote, ‘Heat and Hot Water’