Tag Archives: feminist

NaPoWriMo / GloPoWriMo 2016 2 – Qualcun*

Standard

Qualcuno era femminista perché era vissuto fuori dall’Italia.
Qualcuno era femminista perché la nonna, la zia, la sorella… il babbo no.
Qualcuno era femminista perché vedeva la prima generazione, la seconda, la terza e ancora qualcosa mancava.
Qualcuno era femminista perché si sentiva solo, ma non aveva paura.
Qualcuno era femminista perché aveva avuto un’educazione troppo cattolica.
Qualcuno era femminista perché il cinema lo esigeva, il teatro lo esigeva, la pittura lo esigeva, la letteratura anche… lo esigevano tutt*.
Qualcuno era femminista perché “La Storia è dalla nostra parte!”.
Qualcuno era femminista perché glielo avevano detto.
Qualcuno era femminista perché non gli avevano detto tutto.
Qualcuno era femminista perché prima era sessista.
Qualcuno era femminista perché aveva capito che la terza generazione andava piano ma lontano.
Qualcuno era femminista perché Sibilla Aleramo era una brava persona.
Qualcuno era femminista perché Berlusconi non era una brava persona.
Qualcuno era femminista perché era maschio ma non macho.
Qualcuno era femminista perché beveva (non proprio) e si comportava come una persona normale.
Qualcuno era femminista perché era così ateo che aveva bisogno di una morale.
Qualcuno era femminista perché era talmente affascinato che voleva essere un* di loro.
Qualcuno era femminista perché non ne poteva più del qualunquismo.
Qualcuno era femminista perché voleva un’uguaglianza seria, vera.
Qualcuno era femminista perché la patriarchia i diritti la lotta. Facile no?
Qualcuno era femminista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopo domani sicuramente…
Qualcuno era femminista perché gli slogan non bastavano più.
Qualcuno era femminista e confondeva a suo padre.
Qualcuno era femminista perché guardava sempre oltre.
Qualcuno era femminista per moda, qualcuno per principio, qualcuno per frustrazione.
Qualcuno era femminista perché voleva pareggiare tutto.
Qualcuno era femminista perché conosceva gli impiegati statali, parastatali e affini.
Qualcuno era femminista perché aveva capito che l’“intersezionalismo” è l’unico modo.
Qualcuno era femminista perché era convinto d’avere dietro di sé amici e compagni.
Qualcuno era femminista perché era meno femminista di altri.
Qualcuno era femminista perché c’era il grande movimento femminista.
Qualcuno era femminista nonostante ci fossero altri movimenti femministi.
Qualcuno era femminista perché c’era bisogno di meglio.
Qualcuno era femminista perché abbiamo il peggior tipo di parità d’Europa.
Qualcuno era femminista perché lo status peggio che da noi …oddio.
Qualcuno era femminista perché non ne poteva più di migliaia d’anni di uomini viscidi e ruffiani.
Qualcuno era femminista perché gli stupri, l’aborto, gli uteri in affitto, le quote rosa, il Berlusconismo, Miss Italia, eccetera, eccetera, eccetera.
Qualcuno era femminista perché chi era contro era femminista.
Qualcuno era femminista perché non sopportava più quella cosa sporca che ci ostiniamo a chiamare ‘tradizione’.
Qualcuno credeva di essere femminista e forse era qualcos’altro.
Qualcuno era femminista perché sognava una libertà e una parità diversa.
Qualcuno era femminista perché pensava di poter essere vivo e felice solo se lo erano anche altr*.
Qualcuno era femminista perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo, perché era disposto a cambiare ogni giorno, perché sentiva la necessità di una morale diversa, perché forse era solo una forza, un volo, un sogno, era solo uno slancio, un desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita.
Qualcuno era femminista perché con accanto questo slancio ognun* era come più di se stess*, era come due persone in una. Da una parte la personale fatica quotidiana e dall’altra il senso di appartenenza a una razza che voleva spiccare il volo per cambiare veramente la vita.
No, niente rimpianti. Forse anche allora molt* avevano aperto le ali senza essere capaci di volare, come delle gru ipotetiche.

E ora? Di nuovo, ora ci si sente come in due: da una parte l’umano inserit* che attraversa ossequiosamente lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana e dall’altra la gru, che vola contro il cielo, contro il sole, contro la tempesta.

Stavolta, niente miseria.

(Niente spunto, ma ringraziamenti a Gaber. Certe risposte a volte cambiano, ma il simbolo rimane.)
nlis

Advertisements

NaPoWriMo 2015 Day 23 – The story of my person

Standard

The story of my person
is the story of a giant fear
of being myself,
opposed to the fear of losing myself,
opposed to the fear of the fear.
It could not be otherwise:
in apprehension we lose our memory
in submission everything.
It couldn’t,
my childhood,
pillaged by family,
allow me a stable, concrete maturity.
Nor my solitary life
allow me something less fragile
than this thrashing between worries and insecurities.
I survived childhood,
I survived adulthood.
Almost nothing compared to life.
But I survived.
And now, in the ruins of my being,
something, a firm utopia, is about to bloom.

[Original Italian by Piera Oppezzo (1934-2009).]

NaPoWriMo Day 10 – Woman in the World’s Tomorrow

Standard

I am pregnant with you,
woman who will live in the world’s tomorrow.
In a distant year
my flesh created,
my fibres remember,
each day a darkened labour
bodily suffering tamed by will
and sweetened by hope
ineffably.
Now not a man’s seed in me
not an embryo fed by my blood
but in my spirit
lies the eager image of you, woman,
of the you who will be
slowly molded, nurtured
knocking at doors wanting life,
fully formed at last
in auras of freedom and truth
woman in the world’s tomorrow.

I carry you with me, a clear image,
contrast and complement
to my heart’s troubles,
hurting for some many today
hurting for inhuman toils
hurting for dehuman children
or for children kidnapped in war,
or inanimate objects of lust,
oh my discouraged kin, shame on all!
And I hear others shrieking
unknowingly laughing along
and I see others in shock
more self-absorbed than their men
greedy yearning toxic riches.
As if I held you in me
I focus on you, in you, creature of new
on your future features
creature fully true of a life of truth achieved,
a life redeemed of its beastly remains,
as this land grows each day more beautiful
with everyone’s toil a fervent hymn
harmonious hymn of the human spirit.

And I am not alone, more and more
just like me carry you within
and in flashes of blessings
something of your gaze shines through,
the image of you our safety
the image of you our hope
as the world today derides us,
bitter and blind opposes us
oh all you brave and fighting
girls, wives, tender powerful old
in proud labour and still blessed
ineffably,
by your arrival, woman, in the world’s tomorrow
in this sibling shelter
just and good
and finally worthy of glory,
you, harmonious queen of freedom and truth.

(Original Italian by Sibilla Aleramo, ‘Donna nel domani del mondo’. There are many versions online, but I’d rather link to an extract from her diary, from 1959.)